Quali sono i rischi?

La saliva prodotta dalla vacca da latte è un tampone naturale grazie al suo contenuto in bicarbonato.
La quantità prodotta ed il suo conseguente effetto tampone non sono tuttavia sempre sufficienti a limitare il rischio di acidosi.
E’ quindi è necessario aggiungere alla razione una quota di BICAR® Z per ristabilire i valori di pH ruminale ottimali.

Le cause di limitata produzione di saliva possono essere:

  • Mancanza di fibra fisicamente effettiva nella razione giornaliera
  • Eccesso di amido rispetto alla fibra grezza
  • Rapporto foraggi/concentrati troppo basso
  • Razioni troppo variabili
  • Stress causato da scarso confort delle cuccette in mangiatoia
  • Stress causato da temperature e umidità elevate

Situazioni particolari di rischio

Vacche da latte ad alta produzione
Le vacche da latte ad alta produzione devono assimilare grandi quantità di energia al fine di mantenere un’elevata produzione di latte. Per poter soddisfare questo elevato bisogno energetico, la razione deve contenere molti carboidrati rapidamente assimilabili (forniti dal mangime concentrato) e, di conseguenza, meno fibra (in quanto i prodotti ricchi in fibra strutturalmente contengono poca energia).
Questa combinazione porta ad un abbassamento del pH ruminale che la sola saliva non è più in grado di tamponare. Si rende dunque necessaria un’integrazione ulteriore di bicarbonato di sodio.

Periodo di transizione
E’ importante che il passaggio da una razione a bassa concentrazione energetica (più fibrosa, durante la fase di asciutta) ad una razione a valore nutritivo più elevato (più ricca di amidi, all’inizio della lattazione) sia progressivo e mai brusco. Questo permetterà di mantenere la vacca in buona salute e prevenire l’acidosi ruminale.

Vacche in lattazione
Nelle vacche ad inizio lattazione i fabbisogni nutrizionali aumentano fortemente in conseguenza della montata lattea, mentre la capacità di ingestione è ancora limitata. L’animale si trova quindi in una situazione di deficit energetico e reagisce orientando il metabolismo verso l’utilizzazione dei lipidi corporei.
Nel tentativo di ridurre tale deficit energetico si ricorrere alla somministrazione di elevate quantità di alimenti concentrati in sostituzione dei foraggi aumentando il rischio di acidosi ruminale. Il tampone a tutti gli effetti più utilizzato per stabilizzare il pH è il bicarbonato di sodio.

Cambio di alimentazione
Quando è previsto il passaggio da una dieta ad un’altra o la variazione di alcune materie prime, si consiglia di prestare particolare attenzione al rischio di abbassamento del pH del rumine.

Alte temperature / Stress da caldo
Le condizioni climatiche influenzano la salute e la fertilità delle bovine. Sottovalutare l’effetto negativo dello "stress da caldo" (anche chiamato stress termico o heat stress) è un errore grave e molto costoso, in quanto può causare cali importanti della produzione (≥al 20%).
Le bovine si trovano in comfort termico quando la temperatura esterna (parametro che più influenza la produzione e la qualità del latte) non supera i 20°C, mentre all’aumentare della temperatura diventa sempre più determinante l’umidità relativa.
Quando l’ambiente raggiunge invece una temperatura critica (> 25°C), l’animale è sottoposto ad uno stress termico associato a:

  • una perdita di sodio e di bicarbonato tramite le urine e il sudore
  • una ruminazione debole e una riduzione della salivazione che determinano il principio di una acidosi ruminale
  • una diminuzione della fertilità
  • una diminuzione rapida della produzione di latte

Uno dei parametri più utilizzati ed attendibili che mette in relazione la temperatura e l’umidità relativa è il THI “Temperature Umidity Index” o indice di temperatura e umidità che permette di stimare lo stato di malessere a cui sono soggetti gli animali in condizioni di alta temperatura ed elevata umidità.

Calcola il tuo THI al seguente link

La classificazione utilizzata per stimare i differenti livelli di disagio prevede diverse classi di stress per il bestiame e comporta una maggiore condizione di rischio per valori crescenti dell'indice:
68≤THI<72 lieve disagio
72≤THI<75 disagio
75≤THI<79 allerta
79≤THI<84 pericolo
THI≥84 emergenza

Chiudi

Contattaci

ALBITALIA - Prodotti per uso zootecnico
Via Andrea Verga, 12
20144 Milano
Tel. 02/435255

infotecniche@albitalia.com

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.